Natura e Paesaggi

La natura rigogliosa dell’Altopiano di Tonezza, un paesaggio della montagna veneta veramente unico.

Questa porzione di territorio si estende dalla cima di Monte Cimone a sud, delimitato a ovest dalla valle di Rio Freddo, a est dalla valle dell’Astico fino a congiungersi con l’Altopiano dei Fiorentini a nord. Anticamente formava un unico altopiano assieme a quello di Asiago, solcato in milioni di anni dalle acque del torrente Astico.

Difatti durante le passeggiate che in tanti scelgono di fare lungo i sentieri di Tonezza si può avere la fortuna di vedere e fotografare molti animali tipici della montagna veneta, come per esempio caprioli, camosci, cervi, scoiattoli, lepri, falchi e aquile.

Ma probabilmente è la flora di Tonezza con i suoi fitti boschi che lascia ancor di più sorpresi. In seguito all’abbandono da parte della comunità locale dell’utilizzo dei terrazzamenti per la coltivazione oggi troviamo un bosco molto rigoglioso, ancor più che nel ‘900 grazie al riapropiamento dei boschi da parte della natura dal dopo guerra. Si possono trovare molte specie diverse di piante, tra cui carpine nero, nocciolo, frassino, corniolo, rovere, faggio, abete rosso, larice, acero, betulla, e, in primavera, ciliegio.

Dalla cime si possono vedere paesaggi stupendi, con lo sfondo delle cime del Caviojo e di Quota Neutra, la val d’Astico, il Cimoncello, la val Posina, l’Altopiano di Asiago con il monte Cengio e la dorsale del monte Summano, monte Novegno-Priaforà e il massiccio del Pasubio.

Le zone principali dove godere dei paesaggi e della natura presente a Tonezza sono: